PODCAST: CONTENUTI ALTERNATIVI PER UN PODCAST STRATEGY VINCENTE

podcast

Ormai sai cosa vuol dire fare marketing e quali strategie sferrare. E sai anche quali strumenti utilizzare per aumentare la tua cerchia di clienti. Vuoi però trovare una valida alternativa, che vada ad aggiungersi ai mezzi di cui già stai facendo uso, per far conoscere maggiormente il tuo brand. Hai sentito parlare del podcasting ma ne sai poco. Può essere un buono strumento per la tua attività di marketing? Proviamo a scoprirlo insieme.

Cos’è il podcast

Per poter capire come poter usare il podcast a vantaggio di un’ impresa online, dobbiamo partire dalle basi. Da cosa deriva dunque la parola “podcast”? Il termine è dato dalla fusione di “ipod”, il celebre lettore mp3 (e non solo) della Apple, e “broadcast”, trasmissione. Per spiegare brevemente di cosa si tratti, il podcast non è altro che un metodo di diffusione di contenuti multimediali. I media trasmessi sono di solito files audio e video, sebbene non sia esclusa la trasmissione di altre tipologie di files. Il podcast è un mezzo di cui in genere ci si avvale per trattare tematiche varie, dare consigli e raccontare storie. Inoltre, i contenuti possono essere consultati sul momento ma anche semplicemente scaricati e salvati nella memoria di un dispositivo per essere riprodotti in un secondo momento. La comodità sta infatti nella possibilità di ascoltare o guardare i contenuti non necessariamente ad un orario prestabilito e non per forza da un pc. I file downloadati possono essere riprodotti su smartphone, tablet o qualsiasi lettore mp3, e in qualsiasi luogo ci si trovi, ad esempio su un treno, durante la pausa di lavoro o mentre si fa jogging.

Come fruire di un podcast

Non resta ora che capire come utilizzare un podcast. E soprattutto se se ne vuole solo usufruire o se siamo noi a volerne creare uno. Il suo funzionamento è in ogni caso semplicissimo e non richiede particolari conoscenze tecniche. In entrambi i casi comunque non è richiesto un sistema operativo o un browser specifico. Se vogliamo essere semplici fruitori, tutto ciò che serve è un qualsiasi dispositivo connesso ad internet, un apposito programma client solitamente gratuito, e un abbonamento presso un fornitore di podcast. Software gratuiti per fruire del podcasting sono iTunes, Juice ed HermesPod, per citare i principali. Da questi è possibile selezionare il podcast d’interesse. È anche possibile farsi notificare la pubblicazione di un nuovo podcast attinente ad una determinata tematica tramite un feed RSS.

podcast

Come creare e pubblicare un podcast

Se invece il nostro obiettivo è trasmettere una nostra conoscenza, trattare di particolari tematiche o promuovere una propria attività imprenditoriale, possiamo creare un podcast. In questo caso sarà utile un microfono di qualità da collegare al dispositivo prescelto, che garantisca una buona trasmissione audio. Dopodiché è necessario scaricare un apposito software di registrazione (ad esempio Quicktime) e un programma di editing audio (ad esempio Auphonic). Si tratta comunque di software totalmente gratuiti. Quando poi la trasmissione è pronta e la vogliamo rendere disponibile agli utenti web, dobbiamo avvalerci di un sito su cui poter pubblicare il nostro podcast. Esistono a tal proposito siti specifici che possono ospitare podcast. Ma non solo. Se abbiamo già un blog o un nostro sito web, anche quello può essere il luogo in cui pubblicare il podcast da noi ideato. E non dimentichiamoci come sempre i social network. Cosa essenziale è poi trasformare il file audio in un feed RSS. E anche in questo caso esistono programmi ad hoc come ad esempio FeedForAll.

Podcast di successo

Saper creare un podcast non è per forza sinonimo di successo. Una volta pubblicato un podcast il lavoro non è ancora finito se vogliamo ottenere determinati risultati. Soprattutto nel settore del marketing sono i numeri a fare la differenza. Cosa fare dunque per far fruttare il nostro podcast? Non esistono regole precise da seguire alla lettera, ma piccoli accorgimenti da tenere presente e mettere in atto. Intanto, un buon punto di partenza può essere la scelta di una directory frequentata, o comunque la pubblicazione su siti molto noti per poter avere più visibilità possibile. Un altro consiglio, che potrebbe apparire banale, è quello di creare un podcast solo se si ha veramente qualcosa di interessante da dire. Può essere utile ad esempio cercare di capire a cosa è interessato un determinato target di pubblico. Meglio comunque non sforzarsi mai di compiacere a tutti i costi gli utenti ma cercare di essere il più possibile sé stessi.

Podcast marketing

Entriamo ora nel merito. Fare marketing utilizzando anche lo strumento del podcast è possibile. Soprattutto negli ultimi anni, in cui questo mezzo è ritornato in auge. Facciamo tesoro degli accorgimenti suindicati per avere la garanzia di un podcast di successo. Questo perché un podcast che funziona e che attira un numero significativo di utenti , è in grado di incrementare anche gli acquirenti dei prodotti offerti. Non soffermiamoci dunque al blog, alla landing page aziendale e all’ottimizzazione Seo, che restano comunque valide strategie. Andiamo oltre, andandole ad integrare per trovare sempre nuovi clienti, sfruttando ogni strumento papabile. E il podcast è proprio uno di questi. Per una buona podcast strategy va comunque tenuto presente che ad essere in primo piano sono contenuti divulgativi, che vadano a soddisfare le esigenze del pubblico. Il podcast creato deve dunque promuovere cercando di coltivare i clienti e di fidelizzarli. Dopodiché possiamo focalizzarci anche sull’ottimizzazione del podcast, scegliendo titoli che contengano keywords significative, e dando descrizioni chiare e complete di ciò che il podcast stesso trasmetterà.
La chiave di un podcast marketing d’effetto è data dall‘insieme di tutti questi consigli. Non resta che provare e godersi i primi risultati.