Content marketing e Newsletter: trasformare i contatti in clienti

Lead Generation

Tra le varie strategie web marketing, non possiamo non citare Newsletter ed email Marketing. Rappresentano degli strumenti molto potenti e funzionali se utilizzati con criterio. A monte della campagna deve esserci sempre una struttura studiata a tavolino. Lo scopo sarà quello di raggiungere sempre più contatti e trasformarli in clienti. Per riuscire ad aumentare gli iscritti alla propria newsletter, l’importante è farsi trovare nel momento del bisogno.

Lead Generation: cos’è e come funziona

A differenza di molti altri strumenti a disposizione per fare marketing, la lead generation permette alle aziende di generare potenziali contatti, attirando persone veramente interessate.
Come è possibile?
É necessario dare in cambio qualcosa ed essere generosi. In pratica. Prima di ogni altra cosa deve essere condotta un’analisi di mercato per scoprire quali sono le vere esigenze dei nostri clienti che devono essere soddisfatte. Cosa cercano veramente i nostri clienti? Cosa vogliono?
Una volta individuata la risposta, la campagna di lead generation verrà di conseguenza. Avrete nelle mani un valore aggiunto da regalare ai vostri potenziali clienti. Ad esempio, metto a disposizione un documento da scaricare (una guida, un catalogo, un scheda tecnica, una grafica particolare, ecc…), se viene inserita l’email prima del downloads.
Non limitiamoci però al solo documento pdf & Co. Da scaricare. Il valore da donare in cambio può anche essere rappresentato da un invito ad un webinar, oppure ad un seminario, oppure, addirittura, un biglietto per una conferenza, ecc…

Lead GenerationTrovato il contenuto da proporre pensiamo anche alla forma

Per legare al meglio newsletter e content marketing è importante saper proporre nel modo migliore quello che vogliamo offrire. Come abbiamo già detto non limitiamoci al semplice e-book da scaricare (anche se è cosa sempre molto gradita), ma pensiamo alle vere esigenze che dobbiamo soddisfare. Poi adoperiamoci per presentarle al meglio, legando nel migliore dei modi la Newsletter al suo contenuto, perché anche l’occhio vuole la sua parte, cercando di focalizzare l’attenzione del pubblico sul lead magnet. Creiamo quindi una Landing Page la cui grafica dovrà essere finalizzata a far compiere il downloads all’utente, in seguito all’inserimento della propria email.
Non dovrà essere troppo lunga e macchinosa, perché l’utente potrebbe “scoraggiarsi” nella compilazione dell’eventuale form di richiesta dati. Richiedi sempre pochi dati; pochi ma buoni. Se puntate ad avere la mail di nuovi potenziali clienti, inserite il campo mail e al massimo altri due dati.

Call to action: invogliare l’utente a compiere l’azione

Nella landing page dovrete riuscire a spingere l’utente a compiere un’azione. Visivamente dovrà essere portato a scaricare il “regalo” che proponete a seguito dell’inserimento della propria mail. La grafica in questo caso ricoprirà un ruolo veramente molto importante. Colori, forme dimensioni e disposizioni dovranno essere chiari semplici e precisi e soprattutto in grado di “direzionare” l’utente.

 

Offrire per ricevere

Concludendo. Esistono moltissimo modi per catturare l’attenzione di nuovi potenziali clienti, ma è facile sbagliare. Quindi le cose non devono essere fatte a caso, ma studiate attentamente. Partite sempre da una ricerca di mercato per scoprire le esigenze da soddisfare. Individuate il potenziale “dono” da proporre e create poi una landing page accattivante che spinga l’utente a compiere l’azione che desiderate.
Se gli step saranno eseguiti correttamente, state pur certi che otterrete dei risultati.