Image

Prato del San Paolo Ancora scintille tra Comune e Napoli

NAPOLI. La “guerra del prato” condiziona l’immediato futuro del Napoli. La società litiga con il Comune, che ha autorizzato l’organizzazione durante il mese di luglio dei concerti di Vasco Rossi e di Jovanotti, e sostiene che ci saranno conseguenze negative per l’erba. Dunque, le amichevoli del mese di agosto non si potranno disputare al San Paolo e la squadra dovrà emigrare.

È intervenuto ieri ai microfoni di Radio Kiss Kiss il responsabile delle operazioni, vendite e marketing della scoietà azzurra Alessandro Formisano il quale ha detto: «Avevamo posto un’allerta sul tema del campo da gioco del San Paolo per i concerti e qualcuno ci ha detto che eravamo degli allarmisti. Non siamo contenti di aver avuto ragione, ma i fatti dicono che il campo ha già subìto danni per le prove del concerto di Vasco Rossi. Non si è messa in moto l’opera di prevenzione. Il nostro agronomo aveva anche parlato con gli organizzatori per apportare le giuste precauzioni, invece hanno messo i pannelli sul prato e non ci sono state le attività richieste da noi per tutelare il terreno. Non esiste alcuno spirito di polemica, noi vogliamo solo il meglio per il terreno di gioco e stiamo chiarendo che quello che è già accaduto si poteva evitare. Si può sempre far meglio in futuro a partire dal concerto di Jovanotti del 26 luglio. Ci tengo a ribadire – ha concluso Formisano – che noi non siamo animati da spirito polemico, bensì chiediamo collaborazione, perché stiamo svolgendo attività precauzionali sul prato, ma resta il fatto che sarà impossibile fare amichevoli estive al San Paolo». A seguito della impossibilità di utilizzare il San Paolo per le amichevoli di agosto, il ritiro di Dimaro, programmato fino al 31 luglio, si concluderà due giorni prima, il 29 luglio.

Mentre Formisano lavora per difendere il prato del San Paolo, il direttore sportivo Giuntoli, coadiuva il presidente De Laurentiis per la campagna acquisti e cessioni. Nelle ultime ore il Napoli avrebbe raggiunto un accordo con l’esterno di difesa croato del Sassuolo Sime Vrsaljko. Ora la società partenopea dovrà

mettersi d’accordo con quella emiliana per definire la cifra per la cessione. I modenesi chiedono 12 milioni, ma è probabile che si possa trovare un accordo ad una cifra inferiore. Zapata potrebbe rientrare in questa operazione e finire in prestito per una stagione proprio al Sassuolo.

Google Alert – prato
prato