Attiva la piattaforma cinese di e-commerce Ccig Mall: Class Editori è supplier per il settore food ed …

Segnala
ad un amico
Stampa
crea PDF

Mercato

11 settembre 2015 | 12:32

Attiva la piattaforma cinese di e-commerce Ccig Mall: Class Editori è supplier per il settore food ed agent per fashion, accessori e design

E’ ora attiva l’offerta dedicata ai consumatori (BtoC) della piattaforma di commercio elettronico cinese Ccig Mall, di cui Class Editori attraverso la controllata CCeC (Class China eCommerce), è main supplier per il settore food e main agent per fashion, accessori e design. Lo annuncia un comunicato. La piattaforma Ccig Mall, controllata da Madame Guo Hong, fondatrice del gruppo tecnologico Century, rientra nel programma del governo cinese di sviluppare i consumi interni per sostenere lo sviluppo dell’economia e soddisfare le esigenze di accrescere il livello di qualità della vita della nuova classe media, ormai composta da alcune centinaia di milioni di cinesi. Questi, attraverso un decoder realizzato da Century con China Telecom, che è già attivo per oltre 100 milioni di utenti, potranno ora accedere all’esclusiva offerta di prodotti della piattaforma Ccig Mall, che fino ad oggi è stata destinata solamente al mondo BtoB. Nello sviluppo dell’offerta dedicata al mondo consumer è importante il ruolo svolto da China Telecom, che già da tempo sta comunicando e pubblicizzando la novità a tutta la sua base di abbonati, mediante messaggi che garantiscono condizioni agevolate e particolari di acquisto ai clienti della società di telecomunicazioni e telefonia cinese, una delle più grandi al mondo.

Paolo Panerai, Editor-in-Chief e Ceo di Class Editori (Olycom.it)

Con il lancio della piattaforma BtoC si amplia il bacino di utenza di Ccig Mall, che di fatto si posiziona come la prima piattaforma cinese a usare una rete esclusiva che raggiunge decine di milioni di potenziali clienti, formata allo stesso tempo da consumatori e da aziende rivenditrici. Il tutto a vantaggio dei prodotti del made in Italy e delle piccole e medie imprese italiane che, grazie a Ccig Mall, possono beneficiare di un punto di ingresso agevolato ed efficace nell’immenso mercato cinese.

Nel mese di luglio, come già comunicato, è iniziata la spedizione dei primi prodotti alimentari italiani destinati alla piattaforma BtoC. La prima spedizione ha il valore di circa un milione di euro e fa parte di un ordine contrattualizzato di dieci milioni di euro per i prossimi mesi. L’impegno di minimo garantito di dieci milioni all’anno da parte di Ccig Mall vale anche per i prossimi quattro anni.

Di CCeC è socio il Gruppo Cremonini, presente nel consiglio di amministrazione con Augusto Cremonini (amministratore delegato di IF&B, la società di Modena specializzata nell’export di prodotti alimentari italiani). Grazie agli accordi conclusi con Ccig Mall e con la partecipazione azionaria in WeToBusiness, il veicolo operativo in Italia di WeChat, Class Editori può sviluppare un sistema di proiezione in Cina su tutte le tipologie di canali di commercio elettronico, come nessun altra società italiana può fare. WeChat è il più popolare strumento cinese (e non solo) di comunicazione nonché social network, e-commerce, video, musica e Crm (customer relationship management), e consente di gestire dall’Italia il rapporto con clienti potenziali in Cina seguendone il profilo. Il servizio ha oltre 1 miliardo di utenti registrati nel mondo, e in Italia sono state già scaricate 8 milioni di applicazioni, 1,3 milioni delle quali regolarmente attive.

E’ ora attiva l’offerta dedicata ai consumatori (BtoC) della piattaforma di commercio elettronico cinese CCIG Mall, di cui Class Editori attraverso la controllata CCeC (Class China eCommerce), è main supplier per il settore food e main agent per fashion, accessori e design. La piattaforma CCIG Mall, controllata da Madame Guo Hong, fondatrice del gruppo tecnologico Century, rientra nel programma del governo cinese di sviluppare i consumi interni per sostenere lo sviluppo dell’economia e soddisfare le esigenze di accrescere il livello di qualità della vita della nuova classe media, ormai composta da alcune centinaia di milioni di cinesi. Questi, attraverso un decoder realizzato da Century con China Telecom, che è già attivo per oltre 100 milioni di utenti, potranno ora accedere all’esclusiva offerta di prodotti della piattaforma CCIG Mall, che fino ad oggi è stata destinata solamente al mondo BtoB. Nello sviluppo dell’offerta dedicata al mondo consumer è importante il ruolo svolto da China Telecom, che già da tempo sta comunicando e pubblicizzando la novità a tutta la sua base di abbonati, mediante messaggi che garantiscono condizioni agevolate e particolari di acquisto ai clienti della società di telecomunicazioni e telefonia cinese, una delle più grandi al mondo. Con il lancio della piattaforma BtoC si amplia il bacino di utenza di CCIG Mall, che di fatto si posiziona come la prima piattaforma cinese a usare una rete esclusiva che raggiunge decine di milioni di potenziali clienti, formata allo stesso tempo da consumatori e da aziende rivenditrici. Il tutto a vantaggio dei prodotti del Made in Italy e delle piccole e medie imprese italiane che, grazie a CCIG Mall, possono beneficiare di un punto di ingresso agevolato ed efficace nell’immenso mercato cinese. Nel mese di luglio, come già comunicato, è iniziata la spedizione dei primi prodotti alimentari italiani destinati alla piattaforma BtoC. La prima spedizione ha il valore di circa 1 milione di euro e fa parte di un ordine contrattualizzato di 10 milioni di euro per i prossimi mesi. L’impegno di minimo garantito di 10 milioni all’anno da parte di CCIG Mall vale anche per i prossimi quattro anni. Di CCeC è socio il Gruppo Cremonini, presente nel consiglio di amministrazione con Augusto Cremonini (amministratore delegato di IF&B, la società di Modena specializzata nell’export di prodotti alimentari italiani). Grazie agli accordi conclusi con CCIG Mall e con la partecipazione azionaria in WeToBusiness, il veicolo operativo in Italia di WeChat, Class Editori può sviluppare un sistema di proiezione in Cina su tutte le tipologie di canali di commercio elettronico, come nessun altra società italiana può fare. WeChat è il più popolare strumento cinese (e non solo) di comunicazione nonché social network, e-commerce, video, musica e Crm (customer relationship management), e consente di gestire dall’Italia il rapporto con clienti potenziali in Cina seguendone il profilo. Il servizio ha oltre 1 miliardo di utenti registrati nel mondo, e in Italia sono state già scaricate 8 milioni di applicazioni, 1,3 milioni delle quali regolarmente attive.